Oro stabile dopo il taglio dei tassi della Fed

Il prezzo dell’oro rimane stabile negli scambi asiatici di questo mercoledì dopo che il taglio dei tassi della Federal Reserve ha spinto il rendimento dei Buoni del Tesoro a 10 anni al minimo storico.

I future dell’oro con consegna ad aprile si attestano a 1.644,50 dollari, su dello 0,01%.

Nella notte, la banca centrale statunitense ha ridotto i tassi di 50 punti base, abbassandoli al di fuori del normale ciclo di vertici per la prima volta dal 2008.

La decisione è risultata in linea con le aspettative ed ha avuto poco impatto sui mercati azionari globali.

Il metallo giallo, invece, è salito dopo la notizia in quanto dei tassi di interesse più bassi riducono il costo di possedimento dell’oro, che non ha rendimento, pesando al contempo sul rendimento dei Buoni del Tesoro e sul dollaro e rendendo l’oro più economico per i titolari di altre valute.

Il prezzo dell’oro è schizzato di oltre l’8% finora quest’anno, sulla richiesta di asset rifugio. La scorsa settimana ha registrato il massimo di sette anni.

“L’oro potrebbe salire ancora, mentre gli investitori cercano rifugio nel metallo prezioso tra i timori per il rallentamento economico globale. Con il coronavirus che si diffonde rapidamente al di fuori della Cina ed il taglio dei tassi di emergenza operato dalla Fed che ha reso turbolenti i mercati finanziari, la domanda di asset rifugio come l’oro aumenterà”, scrive Hareesh V, responsabile delle materie prime di Geojit Financial Services.

Resta aggiornato con INFOEUROPEFX per le ultime notizie sulle materie prime.